Giovedì 27 Giugno 2019

I dispositivi hi-tech della Safesolution pronti ad invadere le spiagge della riviera romagnola

Martedì 4 Giugno 2019 - Cervia
I dispositivi Safebeach

I primi dispositivi montati al bagno Anna 199 di Cervia nel 2018 saranno la novità presente su tutte le spiagge d’Italia di quest’estate incluse, naturalmente, anche quelle della riviera romagnola. Stando a quanto dichiarato dalla startup Safesolution, sotto l'ombrellone, sarà possibile ricaricare i propri cellulari e tenere al sicuro i propri oggetti grazie ai dispositivi montati per la prima volta proprio sulla riviera romagnola lo scorso anno.


I due dispositivi si chiamano Safebeach e Solarella. Il primo, Safebeach, è una cassaforte fornita di un vano portaoggetti in cui è possibile riporre chiavi, cellulari, tablet, portafogli o altri articoli di valore. La serratura viene sbloccata avvicinando un braccialetto elettronico usa e getta che utilizza la tecnologia RFID/NFC -la stessa impiegata per i sistemi contactless dei cellulari- con codice unico e programmabile. Inoltre, grazie al controllo via radio, tramite un modulo apposito installato in ogni pezzo, il gestore potrà monitorare l’intera spiaggia direttamente dal bar del lido attraverso la webapp gestionale.

Solarella
, il secondo dispositivo della startup, è una piccola porta USB applicabile allo stelo dell’ombrellone, che trattiene l’energia del sole grazie a 4 pannelli ad alta efficienza montati a corolla in cima alla struttura. L’energia solare raccolta raggiunge la porta usb sita sullo stelo, per consentire agli utenti di ricaricare i propri device in totale autonomia utilizzando una fonte rinnovabile. I pannelli solari si aprono e chiudono automaticamente insieme all’ombrellone grazie ad un sistema a molla antivento, che li rende più resistenti e di design.


Entrambi i dispostivi si installano ai comuni ombrelloni in modo veloce e pratico. "Il vantaggio per il gestore -affermano quelli della Safesolution- è quello di poter offrire ai propri clienti un servizio che garantisce sicurezza e comodità. È stato proprio un lido della riviera, il primo a comprendere il potenziale dell’offerta della giovane startup. Infatti, nell’estate del 2018, il bagno Anna 199 di Cervia, ha montato i primi Safebeach nelle prime file del proprio lido, riscontrando un discreto successo. Una scelta portata anche dal volersi tutelare dai continui atti vandalici ai quali il bagno era stato soggetto negli anni precedenti. Non c’è solo stata lungimiranza da parte del gestore, noto per la sua attenzione nel proporre nuove iniziative e offrire il meglio delle ultime tendenze, ma anche per fornire sicurezza ai propri clienti. Ed è proprio da una necessità che nel 2013 nasce il primo dispositivo realizzato dalla startup cioè Safebeach".


Filippo Gigliotti, 39 anni, ex informatico e fondatore di Safesolution, ha fornito la sua testimonianza: "Ero in spiaggia solo con il mio cane. Mi sono tuffato in acqua, tenendo continuamente sott’occhio l’ombrellone, come accade a tutti. Mi son detto che così non si poteva andare avanti e quella necessità l’ho trasformata in idea. Ho preso un block notes, una matita e ho disegnato il primo prototipo di Safebeach. Ha avuto inizio così questa avventura.”


Dopo il brevetto ottenuto nel 2015 per Safebeach, la startup ha realizzato i primi prototipi lo scorso anno, installandoli sulle spiagge di tutta Italia, comprese le zone di Ravenna e Rimini, ottenendo ottimi risultati. Quest’anno al primo dispositivo si aggiungerà anche Solarella, una nuova idea che propone al gestore di ampliare la propria offerta con un servizio in più. Entrambe i dispositivi promettono di essere la novità hi-tech dell’estate, che renderà più sicura e comoda la vacanza di tutti i bagnanti delle spiagge d’Italia.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it