Giovedì 27 Giugno 2019

Caso Daniela Poggiali. L'ex infermiera assolta nel processo di appello bis

Giovedì 23 Maggio 2019
Daniela Poggiali

La Corte di Assise di appello di Bologna ha assolto Daniela Poggiali, portata a processo con l'accusa di aver ucciso con un'iniezione di potassio la paziente Rosa Calderoni, 78 anni, morta l'8 aprile 2014 all'Ospedale di Lugo. È questo l'esito dell'appello bis per l'ex infermiera dell'ospedale della Bassa Romagna, per cui la Procura generale aveva chiesto la conferma dell'ergastolo pronunciato in primo grado nella città romagnola. 

I giudici hanno invece riformato la sentenza, assolvendo Poggiali con varie formule dalle accuse di omicidio e di peculato del potassio. La Corte ha anche disposto la trasmissione degli atti alla Procura per valutare la posizione di alcuni testimoni, in relazione ai reati di false dichiarazioni e calunnia.

Dopo la sua requisitoria il Pg Luciana Cicerchia aveva chiesto la conferma dell'ergastolo (come da sentenza di 1° grado). 

I fatti risalgono all’8 aprile 2014 quando la 78enne Rosa Calderoni morì all'ospedale Umberto I di Lugo dopo poche ore che era stata ricoverata nel nosocomio. A marzo 2016 il primo grado finì come detto con la condanna all'ergastolo, tuttavia nel luglio 2017 la sentenza fu ribaltata e l’imputata scarcerata ritenendo - riporta l’Ansa - che la morte naturale della Calderoni fosse più plausibile. Nel luglio 2018 la Cassazione bocciò però l'assoluzione rinviando a un appello-bis. 

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it