Mercoledì 19 Giugno 2019

Le associazioni delle donne sul caso di violenza di Cervia: "sradicare la cultura sessista"

Giovedì 11 Aprile 2019

Casa delle donne, Donne in nero, Linea Rosa, Maschile Femminile Plurale, Associazione Preziose e Udi Ravenna hanno firmato una nota congiunta per stigmatizzare l'ennesimo caso di violenza ai danni di una donna, caso registrato lunedì 8 aprile a Cervia. 

"Un altro caso di violenza consumato questa volta su una donna con disabilità rende questo crimine ancora più odioso. - scrivono le associazioni femminili e femministe - Anche in questa occasione, la lettura che è stata data a questo grave episodio è quella di una ridotta capacità di giudizio dell'aggressore dovuta ad una lunga storia di disagio mentale. Non è nostra intenzione entrare nel merito di questo specifico caso lasciando alle autorità il compito di verificare l'accaduto e fare giustizia, assicurando alla vittima tutto il sostegno necessario attraverso il Centro Antiviolenza di Linea Rosa, presente a Cervia con un suo sportello."

"Come tutte noi sappiamo, gli uomini che fanno violenza sulle donne non appartengono necessariamente a categorie di persone disagiate o con problemi psicologici: la violenza maschile è un problema trasversale che riguarda tutti i ceti sociali e tutte le culture. - si legge nella nota - Ancora una volta ci troviamo a condannare con forza uno stupro ai danni di una donna. Un fatto che si ripete troppo spesso, rispetto al quale non possiamo che ribadirne l'origine e la continuità storica nel sistema di idee, simboli e pratiche culturali, sociali e politiche che, relegando le donne nella sfera del naturale (si veda il DDL Pillon), legittima comportamenti di svalorizzazione, inferiorizzazione, subordinazione e discriminazione."

"A maggior ragione quando la discriminazione è multipla, come nel caso della donna di Cervia. Una donna con disabilità che è più fragile e facile “preda”: il suo corpo è invisibile in quanto culturalmente letto e considerato come inessenziale per la società. E, purtroppo, non è un caso che le donne con disabilità siano molto più soggette rispetto alle altre donne ad abusi e violenze, anche da parte di chi le dovrebbe assistere. Come sempre continueremo a lavorare per sradicare la cultura sessista che sta alla base di ogni violenza maschile sulle donne" concludono Casa delle donne, Donne in nero, Linea Rosa, Maschile Femminile Plurale, Associazione Preziose e Udi Ravenna.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it