Mercoledì 26 Giugno 2019

Politica. Socialisti a congresso a Ravenna contro la crisi della democrazia

Lunedì 11 Marzo 2019
Luigi Iorio

Si è aperta ufficialmente la fase congressuale del Partito Socialista Italiano che il 31 marzo a Roma eleggerà un nuovo segretario nazionale dopo Riccardo Nencini.

Due sono le mozioni presentate. La prima, 'Identità socialista per cambiare davvero', che vede candidato alla segreteria Luigi Iorio, già segretario nazionale della Federazione dei Giovani Socialisti, è la mozione della discontinuità con il passato ed è sostenuta da un folto gruppo di giovani quadri già positivamente sperimentati nelle amministrazioni locali e nei consessi nazionali ed internazionali del socialismo. Accanto a loro anche una qualificata rappresentanza di esponenti di più lunga esperienza. In altri termini, un ideale passaggio di testimone tra le generazioni che può costituire una solida ossatura per il futuro di un Partito Socialista che abbia l’ambizione di rinfrescare le proprie radici e rinnovarsi, con l’obiettivo di essere tra gli attori della rinascita di una sinistra popolare e di governo.

Nella nostra regione, in particolare, sostengono la mozione che candida a segretario nazionale Luigi Iorio, alcuni giovani dirigenti quali Francesco Castria, già segretario regionale del Partito, Francesco Bragagni segretario provinciale di Rimini e vice coordinatore regionale, e Monica Ricci, già assessore al comune di Santarcangelo. Assieme a loro i ‘Giovani Socialisti’ della provincia di Ravenna e il segretario provinciale del Psi Lorenzo Corelli.
L’altra mozione, 'Il Domani è adesso' candida il campano Enzo Maraio.

Dichiara Corelli: "dopo la debacle del 4 marzo scorso di tutta la sinistra italiana, è giusto convocare un congresso per dare linfa vitale allo storico partito di Nenni e Pertini. Un congresso che dovrà necessariamente interrogarsi sul futuro della comunità socialista. La mozione da noi sostenuta va in tre direzioni: ricomposizione del centrosinistra, impegno in favore degli ultimi, difesa dell’Europa. Una nuova ricetta riformista che riavvicini la politica ai cittadini, che rivaluti il concetto di democrazia parlamentare. Un socialismo umanitario che punti a ricomporre le disuguaglianze sociali. Queste le principali ragioni per le quali sosteniamo Luigi Iorio.
L’assemblea provinciale degli iscritti al Psi per eleggere i delegati ravennati al congresso nazionale, che si terrà a Russi la mattina di sabato 23 marzo, sarà anche l’occasione per fare il punto sulla nostra partecipazione, nell’ambito del centro sinistra, alle prossime elezioni comunali a Lugo, Cervia, Bagnacavallo e nei comuni sotto i 15.000 abitanti al voto nella nostra Provincia, a partire proprio da Russi”.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it