Giovedì 27 Giugno 2019

Diocesi, al via la visita pastorale nelle parrocchie di monsignor Lorenzo Ghizzoni

Giovedì 28 Febbraio 2019
Don Lorenzo Ghizzoni

L’arcivescovo: “Un’occasione per incontrare il territorio e ripensare al nostro essere Chiesa”

Partirà nel fine settimana la visita pastorale dell’arcivescovo di Ravenna-Cervia monsignor Lorenzo Ghizzoni in tutte le parrocchie della Diocesi. Prescritta a tutti i vescovi entro i primi cinque anni del mandato, si concluderà nell’arco di 2 anni circa. La visita, annunciata a luglio in occasione della festa di Sant’Apollinare, ha avuto un’anticipazione a novembre quando monsignor Ghizzoni si è recato, con alcuni responsabili degli Uffici pastorali, a Carabayllo, in Perù, “la parrocchia più lontana della diocesi”, per incontrare don Stefano Morini e i suoi collaboratori nella missione diocesana dedicata a San Guido Maria Conforti. 

 

Ora la visita entra in territorio diocesano, a partire dal vicariato di Portomaggiore, e in particolare dalle parrocchie di Longastrino, Anita e Filo. E sarà un’occasione per incontrare “le persone – spiega monsignor Ghizzoni –: le comunità parrocchiali nei loro operatori più significativi ma anche gli abitanti e il territorio”.

In particolare, sono previsti incontri programmati da ogni singola comunità parrocchiale: un’assemblea aperta a tutti (parrocchiani e non) nella quale sarà possibile fare domande e discutere “di tutto ciò che sta a cuore alla gente”, una Messa comunitaria e una serie di incontri con i gruppi esistenti nella singola parrocchia: il consiglio pastorale e degli Affari economici, i catechisti, i giovani e le famiglie.

Ma la visita sarà anche l’occasione, per ripensare insieme alla Chiesa del futuro, a partire dall’identità e dai confini delle parrocchie: “La parrocchia non è solo il luogo dove c’è una Messa, la domenica, ma un centro pastorale con la catechesi, la pastorale giovanile, quella familiare e un’azione caritativa”, gli ambiti che anche attraverso la visita si vogliono rilanciare. Di qui la necessità di ragionare sulla geografia delle parrocchie che a causa della riduzione nel numero di sacerdoti, sta già cambiando: “Gli anziani sono attaccatissimi alla loro chiesa, è comprensibile. Ma se non si dà un’esperienza di Chiesa e di parrocchia viva, il rischio è quello di perdere le generazioni successive perché non si riesce a trasmettere il Vangelo alle nuove generazioni.”

 

La visita pastorale 2019 parte dal vicariato di Argenta e Portomaggiore. Venerdì 1 marzo, alle 20.30 nella parrocchia di Longastrino, l’arcivescovo presiederà l’assemblea della Zona Pastorale “Anita-Longastrino-Filo”. La visita a Longastrino si concluderà domenica 3 marzo con due Sante Messe: alle 9.45 a Longastrino e alle 11.15 a Filo. Da martedì 5 marzo, invece, l’arcivescovo sarà nel territorio di Portomaggiore dove in diversi appuntamenti incontrerà i volontari e il gruppo missionario (martedì alle 15.30), i sacerdoti, le religiose e gli accoliti (martedì alle 17); i Consigli per gli Affari Economici (martedì alle 20.45). Mercoledì 6 celebrerà il Rito delle Ceneri a Portomaggiore alle ore 21 e giovedì 7 parteciperà alla festa degli anziani, incontrerà i genitori e le famiglie della scuola materna, e visiterà la Casa di Riposo, i collaboratori, i catechisti, i ministri, l’Unitalsi, il Cursillos e CL. Mentre domenica 10 la visita si concluderà con la Messa comunitaria delle 11 a Portomaggiore e con l’assemblea inter-parrocchiale, sempre a Portomaggiore alle 15. Infine alle 17 incontrerà i giovani, giovanissimi, gli universitari e gli educatori.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it