Domenica 21 Aprile 2019

Elezioni comunali a Cervia. Medri in campo "per unire il campo progressista e non tornare indietro"

Mercoledì 6 Febbraio 2019
Massimo Medri

A Cervia, nel centrosinistra, qualcuno ha rotto i cocci. Le diatribe interne al Pd, il partito di maggioranza - mal gestite dal vertice - hanno portato al naufragio del candidato in pectore Enrico Mazzolani, che aveva già l'appoggio ufficiale dello stesso Pd e della sinistra e si stava muovendo da almeno due mesi per costruire la sua larga coalizione. Poi è arrivato il contrordine: si fanno le primarie di partito il 3 marzo, chieste dall'Assessore Gianni Grandu. Mazzolani si ritira. A terra restano i cocci, appunto. Così ritorna in campo Massimo Medri, uno fuori dai giochi, uno che non ci sta a vedere finire così la storia del centrosinistra a Cervia e che quei cocci li vuole rimettere assieme.

 

 

Medri è un capitano di lungo corso. Già Sindaco di Cervia per tre mandati, dal 1988 al 2004, Presidente del Parco del Delta del Po, recentemente è stato nominato Presidente di Comacchio Turismo. Dopo tanti anni nel Pci-Pds-Ds-Pd ora è indipendente, un progressista e un uomo di sinistra senza tessera. Negli ultimi anni ha lavorato a stretto contatto con il Sindaco di Comacchio Marco Fabbri, uno dei primi Sindaci grillini, che ora è con Pizzarotti in Italia in Comune. Medri ama definirsi come uomo di esperienza, di unità ma anche di idee innovative. Lui era convinto che il tentativo di Mazzolani fosse quello giusto e non pensava minimamente di tornare in campo. Poi è successo il patatrac. E così - dice - molti mi hanno chiesto di farmi avanti per dare una mano a sbrogliare una matassa diventata fin troppo ingarbugliata. Perciò Medri si presenta alle primarie del 3 marzo per contendere la candidatura a Gianni Grandu. Spera solo che "non sia una lotta fratricida, perchè poi bisogna vincere uniti le elezioni di maggio."

Massimo Medri, come mai questa nuova "discesa in campo"?

"Me l'hanno chiesta tanti amici e tante persone, tutti preoccupati per come si sono messe le cose a Cervia nel centrosinistra, con il rischio di una divisione lacerante e di una sconfitta elettorale senza precedenti. Perciò ho deciso che ci dovevo provare: provare a unire, provare a vincere per il futuro di Cervia. Non sono uno contro e la mia candidatura non è contro qualcuno. Io sono in campo per costruire."

Che cosa?

"Per ricompattare le forze migliori di Cervia. Per riunire il Pd e ciò che si muove a sinistra del Pd, tutto il campo progressista. Per valorizzare e rimotivare l'impegno civico dei cittadini. Per costruire una alleanza larga, la più larga possibile. Per vincere le elezioni e dare ancora anni di buon governo e un buon futuro a Cervia."

La stessa cosa che voleva fare Mazzolani, il quale ora sostiene lei.

"Infatti. Lo ringrazio di questo appoggio. Io voglio unire e costruire l'alleanza più larga possibile. Non mi stanco di ripeterlo."

Lei si pone in continuità con la storia di governo del centrosinistra a Cervia?

"Sì. Il mio giudizio sulle cose fatte da Coffari e da Zoffoli prima di lui, è positivo. Sono state fatte tante cose buone. Altre si possono ancora fare e migliorare. E il patrimonio di buon governo del centrosinistra non deve andare disperso."

Cosa ha in testa per il suo programma?

"Ho già le mie idee per il turismo, l'ambiente, il rinnovamento urbano. Ma il programma intendo costruirlo in modo aperto e trasparente con tutti, insieme ai cittadini, partendo dalla gente e dai territori. Voglio sentire le persone, i gruppi di interesse, le associazioni."

Lei insiste molto sul civismo e sull'idea di un'alleanza progressista. Teme una deriva regressiva a Cervia?

"La mia preoccupazione è forte. Temo una città divisa, temo scelte che portino Cervia a chiudersi e a tornare indietro. Cervia è una aperta, una città che vive di turismo e di cultura: non può chiudersi e non deve tornare indietro."

Cosa auspica per le primarie del 3 marzo?

"Che sia un confronto serio e civile. Che non sia una lotta fratricida e che non restino sul campo scorie o macerie di una battaglia troppo accesa. Perchè poi bisogna vincere uniti le elezioni maggio: la battaglia vera sarà quella del campo progressista e del centrosinistra contro chi rischia di fare regredire Cervia."

 

A cura di P. G. C.

3Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Cervianotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@cervianotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • al meno con il nostro buon vecchio Medri arriveremo al 10% comunque, l'importante al secondo il PD dia l'impegno a votare il M5S visto che sarà difficile arrivarne tra i 2 primi, per non regalare la nostra cultura e la nostra città alla lega! Deludenti questi finti giovanni! finché la vittoria era assicurata si buttavano Eh! per combattere e morire in campo con dignità non ci pensano proprio!! dove li avete trovati?????

    06/02/2019 - marino

  • Ma a ceriva siete messi così male , strano andavano a cantare che sono stati così bravi che salvini andava fiero di loro... beeeeeeh?!

    06/02/2019 - Andrea

  • 50 anni al potere e non hanno ricuperato la parte la più bella di Cervia ossia la zona dei monumenti ambientali e i palazzi storici: le Saline, Ficocle, Tantlo e Castiglione !! Francamente che vadano via e spero che non tornino mai più!!

    07/02/2019 - sandra



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it