Sabato 16 Febbraio 2019

Giorno del Ricordo. Gli eventi organizzati dal Comune di Cervia per ricordare le vittime delle foibe

Sabato 2 Febbraio 2019 - Cervia

In occasione della Giornata del Ricordo, che cade il 10 febbraio, per ricordare le vittime delle foibe, il Comune di Cervia organizza una serie di eventi tra i quali mostre, spettacoli teatrali e commemorazioni ufficiali.

 

QUESTO IL PROGRAMMA

 

- Sabato 2 febbraio alle 16.30: Inaugurazione Mostra d’arte “Come vorrei essere un albero” di Giampiero Maldini, Luciano Medri, Claudio Irmi. A cura dell’Associazione culturale “Menocchio”. Sala Rubicone. La mostra rimarrà aperta fino al 13 febbraio tutti i giorni dalle 16 alle 18.

 

- martedì 5 febbraio - 15 febbraio: “I Martiri delle Foibe e le vittime dell’esodo istriano”. Mostra di libri dedicati alle Foibe e alle vittime dell’esodo istriano, rivolta alle scuole di Cervia e organizzata dalla biblioteca comunale di Cervia. La visita alla mostra prevede anche letture di testi, a cura del personale della Biblioteca. Prenotazioni: Biblioteca comunale tel.0544-979384 – 979386.

 

- domenica 10 febbraio alle 11: Deposizione della corona in memoria del Giorno del Ricordo al parco pubblico "Martiri delle Foibe" (in fondo a via Pegaso.

 

- martedì 12 febbraio “Come vorrei essere un albero” Teatro comunale. Ore 21.00 Per ricordare con canzoni e musiche di Sergio Endrigo, interpretate da Stefano Sammarchi e Coro Ruben. Direttrice artistica Bettina Della Maggiore. A cura dell’Associazione culturale “Menocchio”.

 

Il Giorno del Ricordo: la Legge n. 92 del 30 marzo 2004

 

La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Nella giornata [...] sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. E’ altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell'Istria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica ed altresì a preservare le tradizioni delle comunità istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale e all'estero.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it