Giovedì 18 Aprile 2019

Conami. Manuela Sangiorgi vota in solitaria il nuovo Cda, l'ira dei sindaci e dei soci non presenti

Sabato 19 Gennaio 2019
Manuela Sangiorgi

Manuela Sangiorgi, sindaco di Imola, detenente il 65% delle azioni Conami, ha votato in solitaria il nuovo CDA dell'istituzione, vedente ora nel ruolo di presidente Stefania Forte mentre, come consiglieri, sono stati eletti Sara Cirone, Giulio Cristofori e Luciano Pirazzoli. I restanti soci dell'ente, dopo l'elezione del nuovo consiglio d'amministrazione, ricorreranno al Tar.


I sindaci di Conselice, Massa Lombarda e Sant'Agata sul Santerno hanno espresso il proprio forte disappunto, ribadendo l'illegittimità delle azioni del sindaco Sangiorgi: "Siamo rimasti esterrefatti di come si possa distruggere in soli sette minuti di streaming la dignità democratica di un'istituzione pubblica come il Conami: è stata convocata illegittimamente un' assemblea che non aveva i numeri per procedere, dichiarata valida illegittimamente, che ha approvato gli ordini del giorno con il solo voto del socio maggioritario, che ha votato una proposta di presidente e di Cda illegittime, infine ha illegittimamente considerato ancora in carica e non decaduto il consigliere Cassani quale componente del Cda. Quindi il CDA nominato dalla Sindaca Sangiorgi è illegittimo. Ribadiamo che secondo Statuto per eleggere il Cda serve un confronto ed una mediazione e così giungere alla presentazione di una cinquina di candidati competenti sottoscritta da Imola e da altri 4 Comuni".

I sindaci, nel loro intervento, sono scesi maggiormente nei particolari elencando punto per punto le motivazioni che rendono illegittima la mossa del sindaco di Imola: "Forse i suoi consulenti, o presunti tali, della sindaca di Imola hanno voluto fare scuola mettendo in pratica, con premeditazione, procedure del tutto irrituali ed irrispettose delle regole statutarie e delle norme sovraordinate. Noi invece crediamo serva la negoziazione politica, normale per un sindaco soprattutto se riveste il ruolo di Presidente dell'Assemblea. Diffidiamo quindi la Sindaca Sangiorgi dal proseguire nel suo dissennato disegno. Se la Sindaca Sangiorgi continuerà a rifiutare il confronto e soprattutto il non rispetto delle regole istituzionali (come ha fatto fino ad oggi), alzando il livello dello scontro e portando gli enti superiori a prendere provvedimenti, dovrà trarne conseguenze politiche. Perchè riteniamo il tutto illegittimo: 1. L'urgenza non è stata motivata , a precisa domanda via pec di alcuni Sindaci, e non è stata condivisa col Prefetto . E se anche fosse stata motivata dalla Sangiorgi per superare lo stallo ne mancavano le precondizioni , ciò è ancora più grave in quanto si configura da parte della Sindaca un' elusione delle norme di legge che prevedono in questi casi per gli enti pubblici di carattere economico strumentali come è il Con.Ami l'intervento del Prefetto per trovare una soluzione alla situazione di stallo. 2. Ed essendo per definizione il Conami un consorzio di enti ai sensi dell'art 31 comma 1 del Testo Unico degli Enti Locali “secondo le norme previste per le aziende speciali di cui all'articolo 114, in quanto compatibili” si applicano le norme delle aziende speciali e quindi è assolutamente illegittimo appellarsi come ha fatto la Sindaca di Imola a tutte le norme del codice civile che regolano le società di capitale o per azioni. Per esemplificare la Sangiorgi ha così forzato la mano, e con “parere acquisito” si appella all’art. 2369 del codice civile che regola espressamente le sedute per Spa e non società consortile come Con.Ami . 3. Una vera follia quindi proseguire con una seconda convocazione illegittima dell'assemblea, dichiararla valida anche in mancanza del numero legale per le votazioni vista l’assenza del numero legale di Sindaci presenti, ed andare ad approvare con il solo voto di Imola che è solo il socio maggioritario, il presidente e quattro componenti del cda. Per Statuto l' assemblea per le votazioni del Cda deve contemporaneamente registrare almeno il 70% delle quote di partecipazione e oltre la metà dei Comuni presenti. 4. Ma se tutto ciò fosse anche stato possibile per puro esercizio stilistico, è illegittima la presentazione di una proposta di surroga del cda in quanto il Consigliere Cassani è decaduto in quanto la Sindaca Sangiorgi gli ha inviato una lettera firmata da Lei che gli comunicava la decadenza come da voto unanime dell'assemblea. Oggi la Sindaca Sangiorgi disconosce questa lettera e nella precedente assemblea (quella non in streaming) ha dichiarato (vedere verbali per credere!) che non è sua la lettera firmata, affermazione alla quale il direttore gli ha risposto che in Conami nessuno ha la sua firma e quindi non esiste nessuna manina. 5. Ma se anche questo fosse stato regolare per continuare l'esercitazione scolastica, la proposta di Cda deliberata è illegittima perchè non tiene conto delle norme statutarie come da art. 114 comma 1 del Tuel che prevede che “le modalità di nomina e revoca degli amministratori sono stabilite dallo statuto dell'ente locale”. E quindi l e delibere di nomina del Presidente e del Consiglio di Amministrazione, anche qualora fosse in surroga, sono illegittime in quanto non sono state presentate secondo statuto che prevede “ L’elezione del presidente e del Cda avviene a scrutinio palese, sulla base di una proposta sottoscritta da almeno un quinto degli enti consorziati”.

La ripresa dell'accaduto in streaming ha sollevato l'ira dei membri del Conami non presenti all'elezione del nuovo Cda: "Non crediamo serva altro per svelare purtroppo una farsa tragicomica, messa in evidenza, dall'intuizione del sindaco di Dozza Luca Albertazzi, di riprendere il tutto in streaming. Sinceramente non sappiamo se giustificare il tutto per una totale mancanza di competenza (anche dei sedicenti consulenti legali) oppure per una totale perdita di lucidità dovuta dalle evidenti difficoltà della sindaca Sangiorgi nell'espletare il proprio ruolo istituzionale e di mediazione. Situazione resa palese non solo in Conami dove la colpa viene addossata agli “altri sindaci”, ma anche all'interno della Sua maggioranza comunale. Di una cosa siamo certi, che questa situazione ha messo in evidenza un'ambiguità molto forte della Sindaca Sangiorgi: alla stampa dichiarava credere nella democrazia, nel rapporto personale e nella concertazione mentre dentro le stanze di Conami dimostrava nei fatti una chiusura ed una mancanza di dialogo totale. Un ultimo esempio se ce ne fosse ancora bisogno: nella seduta dell'assemblea che ha preceduto la conferenza stampa tenuta da tutti i sindaci, abbiamo sospeso la stessa assemblea per consentire, su proposta del sindaco di Castel Del Rio Alberto Baldazzi, un ultimo confronto fra la sindaca di Imola ed alcuni sindaci per arrivare a depositare una proposta di Cda legittima che si sarebbe dovuta poi discutere ed approvare. La sindaca Sangiorgi, dopo 15 minuti di telefonata (non sappiamo con chi), è tornata nella sala dell'assemblea dicendo che non aveva il mandato per trattare. Tutto ciò puo' essere testimoniato dai presenti. Il tutto è uno sfregio istituzionale senza precedenti che la Sindaca di Imola potrebbe chiudere senza conseguenze concrete per il bene comune, avendo l'intelligenza di non dare seguito alla nomina illegittima di un Presidente ed un Consiglio di Amministrazione e quindi a loro volta correi dell'illegittimità, nel caso accettassero l'incarico attribuito con le sopra citate deliberazioni, in quanto illegittime, onde evitare conseguenze pregiudizievoli per se stessi, per lo stesso Consorzio e per gli Enti soci, nel compimento della loro funzione. Se ha invece deciso di perdere , come siamo convinti legalmente parlando, abbiamo ragione di pensare che dovrà dimettersi , come forse vuole qualcuno che malamente la consiglia. Noi come colleghi Sindaci Le chiediamo di non farlo sulla pelle di 230.000 cittadini ed, in qualità di socio maggioritario, Le chiediamo di farsi carico di trovare una soluzione legittima ed istituzionalmente corretta per il bene di Conami e dei 23 Comuni".

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Cervianotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@cervianotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Tutta questa agitazione perchè è stata designata una persona competente e non i soliti politici !!

    19/01/2019 - Paola



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it