Martedì 18 Dicembre 2018

Storia. In municipio un incontro in ricordo di Laura Zoffoli, staffetta partigiana cervese

Lunedì 3 Dicembre 2018 - Cervia
Laura Zoffoli

Giovedì 6 dicembre, alle ore 16.00, nella Residenza comunale in sala del Consiglio comunale si terrà un incontro in ricordo di Laura Zoffoli, la storica staffetta partigiana cervese. Laura viveva a Roma ed è deceduta nell’ottobre scorso. In questi giorni sono rientrate le ceneri a Cervia, sua città natale. Interverranno Luca Coffari Sindaco di Cervia e Giampietro Lippi Presidente ANPI Cervia. All’incontro saranno presenti i familiari di Laura Zoffoli. 


Biografia

Nell’ottobre scorso è deceduta Laura Zoffoli, storica staffetta partigiana cervese. Nata nel 1927 da una famiglia piccolo borghese, potè accedere agli studi superiori a Ravenna. Nel 1943 la sua famiglia fu costretta, come tante altre famiglie cervesi, a trasferirsi nelle saline, esattamente nella salina del nonno, in un rifugio scavato sotto terra. La famiglia di Laura Zoffoli era molto amica di quella di Guido Collina, antifascista comunista cervese, il quale, poco alla volta, trasformò Laura in una staffetta partigiana.

A Cervia c'era una organizzazione antifascista che stava preparando la lotta armata contro i fascisti ed i nazisti, ma si trattava di una organizzazione clandestina suddivisa in tanti Comitati che, a loro volta, erano costituiti da tante 'cellule' di due o tre componenti che si conoscevano tra di loro, ma che non conoscevano i componenti delle altre cellule. Laura Zoffoli faceva parte del 'Comitato di difesa della donna' e, assieme ad altre due compagne ne costituiva una cellula.

La sua attività di staffetta consisteva nel recarsi due volte alla settimana a Ravenna a portare o a ritirare informazioni o volantini e giornali della Resistenza. Il bello consisteva nel fatto che il suo contatto, Lucia Guerra, aveva il suo recapito nello stesso palazzo nel quale avevano sede le SS: al primo piano c'erano le SS e al secondo c'era il recapito di Laura. Per molto tempo Laura uscì indenne dalla sua attività clandestina. Ma in una occasione fu scoperta: accadde a Ravenna, quando si accorse di essere pedinata. Conoscendo molto bene Ravenna, riuscì a seminare la spia che la seguiva entrando in una chiesa. Depose i volantini in un confessionale e si nascose dietro l'altare maggiore.

Riuscì, miracolosamente, a rientrare a Cervia. Appena rientrata, raccontò ciò che le era capitato e immediatamente lei e tutta la sua famiglia traslocarono nella zona di Pinarella. In seguito si impegnò "aiutando i prigionieri alleati che erano tenuti dai tedeschi nella scuola Pascoli, portando maglie, calzini, trattamento contro i pidocchi, dentifricio. L'idea fu di Guido Collina: contattare i prigionieri alleati per offrire loro un qualche aiuto e Laura la realizzò. Questo le valse la gratitudine dei soldati canadesi e di coloro che avevano partecipato alla Liberazione di Cervia nel ‘44 .

La biografia è tratta da: “Erano brave, intelligenti, coraggiose e belle… tutte le nostre staffette. Le staffette partigiane di Cervia e a Cervia” di Giampietro Lippi. Allegato a “Notiziario della Resistenza”, Cervia, marzo 2013, anno XXXI, n° 2.


Le parole del sindaco Luca Coffari alla scomparsa di Laura Zoffoli: "Ho appreso della scomparsa di Laura, avvenuta nei giorni scorsi, la cui eredità spirituale e morale si fonda sui valori della libertà, della giustizia e della democrazia. Di tradizione antifascista ha lottato come partigiana durante la Resistenza, per consegnarci un Paese libero. Le siamo debitori e abbiamo il dovere di non dimenticare e di riaffermare questi valori ogni giorno. La sua esistenza ci insegna che la memoria storica è alla base della crescita morale e culturale di un popolo. A nome personale e dell’intera città porgo le più sentite condoglianze e mi unisco al dolore dei familiari".

 

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Cervianotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@cervianotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Nel mondo di oggi... certi esempi fanno commuovere... Non so se esiste un paradiso... Ma sicuramente lo merita... Mi unisco nelle condoglianze alla famiglia

    04/12/2018 - Jemap



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it