Martedì 18 Dicembre 2018

"Siamo quel che [non] mangiamo". A Cervia cinque incontri dedicati al cibo e alla cultura alimentare

Venerdì 5 Ottobre 2018 - Cervia

Inizierà sabato 6 ottobre (ore 15)il ciclo di cinque incontri intitolato “Siamo quel che [non] mangiamo”, dedicato al cibo e alla cultura alimentare organizzato dall’Associazione Amici della Biblioteca “Maria Gioia”- Cervia, in collaborazione con la Biblioteca comunale di Cervia e il Gruppo di Lettura cervese. Il primo incontro, imperniato sul saggio di Silvano Fuso “Naturale=Buono?” (Carocci editore) vedrà presente l’Autore con il quale si affronterà il tema che lo stesso titolo del saggio mette in evidenza, vale a dire la relazione esistente fra quel che è naturale e quel che definiamo buono, al fine di saper comprendere se quel che ci viene venduto come naturale sia veramente tale. 


L’appuntamento è presso la Sala comunale di piazza XXV aprile. Il secondo incontro affronta un doppio tema: gli stili alimentari (vegetariano, vegano, le diete, ....) e i luoghi in cui la dieta mediterranea ha i suoi punti di eccellenza. A parlarne saranno Marino Niola e Elisabetta Moro, autori dei saggi editi da il Mulino “Homo dieteticus” e “Andare per i luoghi della dieta mediterranea”. L’incontro si svolgerà sabato 20 ottobre alle ore 15 (come pure tutti gli incontri successivi) presso la Sala conferenze della Biblioteca comunale di Cervia in Circonvallazione Sacchetti, 111.

Il cibo è anche arma di conquista. Ne parlerà Claudio Ferlan mettendo in evidenza come i Conquistadores abbiano largamente utilizzato, oltre alla polvere da sparo, l’alcol per piegare definitivamente la resistenza delle popolazioni indigene del Centro e del Sud America. La conversazione con Ferlan avrà come punto di partenza il saggio da lui recentemente pubblicato presso il Mulino e dal titolo significativo “Sbornie sacre, Sbornie profane: l’ubriachezza dal Vecchio al Nuovo Mondo”. L’appuntamento è per sabato 10 novembre alle ore 15 presso la Sala conferenze della Biblioteca comunale.

Il settore commerciale che muove oltre 3.000 miliardi di USD di risorse finanziarie, più di quello ufficiale delle armi, è proprio quello del cibo. Poche e potentissime multinazionali gestiscono la stragrande maggioranza di quel che arriva sulle nostre tavole, condizionando pesantemente sia i nostri regimi alimentari sia il loro costo. Stefano Liberti, che ha effettuato una ricerca sul campo durata oltre due anni e che lo ha visto passare da una sponda all’altra dell’Atlantico, prendendo spunto dal suo saggio “I signori del cibo“ uscito presso MinimumFax, ne parlerà sabato 24 novembre alle ore 15 presso la Sala Conferenze della Biblioteca comunale.

Il ciclo si chiuderà sabato 1° dicembre sempre alle ore 15 presso la Sala conferenze della Biblioteca comunale di Cervia con un indispensabile tuffo nel passato: Come mangiavano i nostri antenati? Greci e Romani: così lontani, così vicini. Condurrà l'evento, che sarà fondamentale per comprendere non solo da dove proveniamo ma soprattutto verso dove siamo diretti, Ida de Pascale, già docente di Lingua e Letteratura Latina e Storia nei Licei.

Silvano Fuso è docente di chimica e divulgatore scientifico e nel 2006, per i suoi meriti come divulgatore, gli è stato dedicato un asteroide, il TF7 che si trova fra Marte e Giove; Marino Niola e Elisabetta Moro sono entrambi docenti di Antropologia presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli; Claudio Ferlan è ricercatore e storico dell’alimentazione (oltreché storico delle religioni e del cattolicesimo) presso la Fondazione Bruno Kessler / Istituto Storico Italo-Germanico in Trento. Ed infine Stefano Liberti è giornalista professionista che si occupa di problematiche socio- economiche legate allo sfruttamento del suolo.

Al termine di ogni incontro sarà distribuita una merenda offerta dal GRAS - Gruppo Ravennate Acquisto Solidale. La partecipazione è gratuita.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it