Lunedì 15 Ottobre 2018

Storia. A Cervia una mostra dedicata a bunker, postazioni militari tedesche ed alleate del 1943-45

Giovedì 9 Agosto 2018 - Cervia
"Denti di drago", sbarramenti antisbarco e bunker costruiti a Cervia e Milano Marittima dalla Todt per conto dello stato tedesco

È in programma giovedì 9 agosto, a Borgomarina Vetrina di Romagna, alle ore 21 nel Piazzale Aliprandi, antistante la Torre San Michele, una serata culturale dedicata a: bunker, postazioni militari tedesche ed alleate del periodo 1943-45 durante la II guerra mondiale a Cervia. Introduzione storica di Renato Lombardi. Interventi di Thomas Venturi e Walter Cortesi esperti ed esponenti dell’Associazione "CRB360 – Comitato Ricerche Belliche".


Proiezione di immagini, con il supporto tecnico di Massimo Evangelisti. Renato Lombardi evidenzierà come il periodo storico 1943-1945 presenti per Cervia vari elementi di interesse. Cervia è stato un punto nevralgico per le vicende belliche nel periodo precedente e immediatamente successivo alla Liberazione della città (22 ottobre 1944) e al passaggio del fronte. A Cervia nell’autunno del 1943, venne effettuato il salvataggio dei generali degli alti comandi inglesi Neame, Boyd, O’ Connor in fuga dalla prigionia dopo la caduta del fascismo del 25 luglio.

Il territorio cervese era importante dal punto di vista militare, per i seguenti motivi:
1 – per la dotazione di strutture ricettive (pensioni e alberghi, ville, colonie), in grado di accogliere truppe, comandi operativi, personale di supporto alle attività belliche ed ospedali militari;
2 - per l’avvio della costruzione, tra 1943 e1944, a cura della Todt di un’imponente rete di fortificazioni, bunker, denti di drago, sbarramenti anticarro, ecc., in previsione di eventuali sbarchi alleati;
3 – per la costruzione in pineta, in un’area di 40 ettari ed aree limitrofe di 512 ettari, di un aeroporto militare attivo dai primi mesi dopo la Liberazione di Cervia fino ad agosto del 1945. Nell’aeroporto di Cervia operavano squadriglie di caccia-bombardieri Mustang (in varie versioni) della RAF (Royal Air Force) inglese e delle forze aeree di Australia e Sud Africa;
4 – per l’apertura, dal 10 maggio al 30 novembre 1945, a Tagliata di Cervia, di un campo di concentramento per militari tedeschi; in una parte di quella “Valle Felici” di Dino Sbrozzi che nei primi decenni del Novecento era stata interessata dalla bonifica;
5 – per la costruzione nel 1945, a nord del canale di Via Cupa, nella parte settentrionale di Milano Marittima, al confine amministrativo con Savio di Ravenna, di un cimitero militare dei soldati tedeschi nel quale era stata data sepoltura a circa 7.000 salme. Il cimitero fu poi trasferito al Passo della Futa nel 1963.

Su questi argomenti i relatori presenteranno novità rilevanti da punto di vista storico. Sul periodo bellico si sono moltiplicati in questi anni gli studi e le ricerche. Oggi esistono sul territorio di Cervia, Cesenatico e Ravenna, alcune associazioni e semplici gruppi di appassionati che lavorano per mantenere viva la memoria degli avvenimenti storici delle due guerre mondiali, attraverso la ricerca, il collezionismo, la divulgazione di testimonianze e foto storiche ,ecc.

L’associazione R.A.F. (Romagna Air Finders) e il CRB360˚ (Comitato Ricerche Belliche 360˚) hanno stretto un sodalizio per portare a termine un progetto no-profit denominato Bunker Tour Ravenna, finalizzato a donare al territorio una nuova particolare ed affascinante risorsa turistica nonché culturale fruibile in tutte le stagioni: Un percorso, una sorta di museo a cielo aperto, tra i manufatti che hanno segnato gli ultimi mesi della seconda guerra mondiale.

A Ravenna, Cervia e Cesenatico il Comitato Ricerche Belliche 360° ha già sperimentato con successo dei percorsi alla scoperta dei bunker. Di notevole interesse è anche la richiesta di salvaguardare un ponte Bailey che unisce le due sponde del Canale di Via Cupa all’altezza del Centro ippico le Siepi. Nel corso dell’iniziativa di giovedì 9 agosto verranno mostrate le immagini esclusive di una quantità di bunker ancora presenti che pochissimi conoscono,dell’aeroporto militare e del cimitero dei tedeschi.

L’iniziativa Borgomarina Vetrina di Romagna è promossa dal Consorzio Cervia Centro, in collaborazione con le locali Associazioni di categoria (Confcommercio/ASCOM, Confesercenti, CNA e Confartigianato) e con il Comune di Cervia.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it