Martedì 18 Giugno 2019

LA POSTA DEI LETTORI / Turismo: il futuro e la sagra della cozza

Lunedì 15 Gennaio 2018

Ricordo numero 1. Quando avevo 20 anni, nei primi anni novanta, mia mamma, come tutte, faceva la spesa nel negozietto sotto casa a Ravenna. Io la domenica sera prendeva il treno ed andavo a Milano e in Bocconi frequentavo la specializzazione, unica in Italia, in economia delle aziende commerciali dove studiavamo lo sviluppo degli Iper in Italia su libri in inglese, perché nessuno aveva mai scritto niente in italiano. Quindi mentre in Italia in quegli anni gli ipermercati non c’erano, quell’università formava già i manager che avrebbero portato anche qui gli ipermercati. 

Ricordo che studiavo i primi Iper francesi e inglesi: Leclerc e Marks&Spencer. Oggi quel piccolo negozio sotto casa di Ravenna ha chiuso come tantissimi altri e come è andata a finire con gli ipermercati è sotto gli occhi di tutti. Una parentesi, questa rivoluzione nel commercio è avvenuta mettendo insieme università e quindi manager, società di consulenza mondiale e soprattutto i capitali derivanti da fondi comuni di investimento estero. Perché un Iper non è che lo costruisce un imprenditore con i suoi risparmi.

Ricordo numero 2. Quando feci il mio primo colloquio di lavoro alla CMC di Ravenna, grande società di costruzioni, mi chiesero il titolo della mia tesi di laurea ed io risposi che era sulle strategie di sviluppo delle aziende commerciali, cioè gli iper. Ricordo che il manager che mi fece il colloquio mi chiese: “ma lei cosa pensa che gli ipermercati apriranno anche a Ravenna?” Io risposi timidamente con un “sì”. Lui mi guardò con un’aria di sufficienza spiegandomi che l’Italia è diversa, abbiamo abitudini diverse e mi congedò, subito ovviamente non assegnandomi quel posto di lavoro. Si sbagliava, adesso farà la spesa anche lui all’ipermercato Esp di Ravenna.

Ricordo numero 3. Inizio quindi a lavorare in finanza. Premessa: è la finanza che cambia le cose. Ricordo che a fine anni 90 in sala cambi della filiale della BNL di New York spostavamo milioni di dollari per investire nei vari settori in ogni pare del mondo. Ognuno aveva un settore (ferro, grano, etc) e investiva per fare soldi. Ma quello che investiva nel grano non lo aveva mai visto un campo di grano. Però ci sono società di consulenza mondiale che gli fanno dei report e dicono alla finanza dove investire o meglio dove spostare i capitali in quale settore ed in quale paese. Facile no? Così un paese si trova da un momento all’altro rivoluzionato perché a New York qualcuno dice: guardate che si deve investire in questo settore in questo paese e viceversa. Ho anche capito che in economia le competenze trasversali non esistono. Chi fa finanza non conosce il prodotto sul quale opera. Oggi compra ferro, domani grano. Sono sceso dalla giostra della finanza dopo 5 anni ed ho fatto le mie scelte con una mia attività per tornare a vivere al mare. Non mi sono mai pentito.

Ricordo numero 4. Qualche anno fa, sembra un caso, la mia attività ritorna in contatto con la mia università ed in particolare con il Master in Economia del Turismo della Bocconi. Frequento convegni in cui si parlava solo di turismo. Poi l’anno scorso in una di quelle aule nelle quali negli anni 90 andavo a lezione di iper, assisto al primo incontro fra turismo e finanza. C’era chi conta nel turismo e chi aveva i capitali per investire. Sapete chi faceva da collante fra turismo e finanza? Una società americana Horwath HTL che prepara i report da dare alla finanza. Il convegno era inglese e lo teneva uno di Horwath HTL venuto da Londra. Ricordo che quando sono tornato a casa ho avuto l’impressione di aver già vissuto quella esperienza. Si ripeteva la storia di chi comprava ferro in giro per il mondo da New York senza conoscerlo. Quel giorno il messaggio era: preparatevi a investire sul settore del turismo in Italia. Immaginavo broker americani, che non sono mai stati in Italia, che spostano capitali sulla base di report di queste società di consulenza americane. Ho fatto un convegno al Palace. Ho chiamato Giorgio Ribaudo di Horwath HTL, che ora è un amico e la Prof Antonioli. Ricordo di aver chiesto a Giorgio “ma che fine faranno i nostri hotel di 40 camere”? Lui rispose in maniera evasiva e a pranzo dopo mi confessò che non si era sentito di dire la verità. A quel convegno non vennero tantissimi albergatori, c’era la Pasqua e c’era altro a cui pensare. Ho sentito dire che questi non capiscono niente, che da noi è diverso. Come il tipo della CMC. Questi hotel sono anche clienti. Vivo di questo. Mi sembrava come quando si faceva la spesa nella bottega sotto casa. A parlare di Iper si perdeva il posto di lavoro. Non ne ho più fatti di convegni. Ho deciso così. Vado io a Milano e ascolto. Poi torno e faccio il mio lavoro.

Quest’anno il 13 e 14 febbraio 2018 Horwath HTL mi ha invitato per due giorni prima al Bit la borsa italiana del Turismo poi in Bocconi per la convention annuale sulle catene alberghiere ma soprattutto alla cena dove saranno presenti investitori, proprietari di catene alberghiere. Per capirci lo sponsor è Cassa Depositi e Prestiti cioè il Tesoro italiano.

Ricordo numero 5. 2017 sottopongo a Horwath un progetto di sviluppo di una catena alberghiera cliente. Ci vediamo a Roma dove si parla di consulenza turistica. Io però parlo anche di finanza. Cioè rimetto insieme le cose. Ma lui capisce subito e mi fa chiamare dalla loro filiale di Milano che è quella che muove i capitali esteri e fa solo finanza. Ritorno al ricordo di New York. La società di Roma è specializzata in turismo fa i report e dice dove investire. Quella di Milano muove i capitali ma non sa di turismo. Una paretesi solo qualche mese fa i dati 2017 dicono che in Italia il turismo al mare ha fatto +16%. Immaginate uno che fa finanza e sposta capitali a cui si dice che un settore ha questa crescita? Ci investe. Sono tornato da Milano con questa sensazione. Ho avviato una collaborazione con una società mondiale che sposta capitali enormi che vuole investire in turismo e per questo ha avviato la collaborazione con me. Non conosceva Milano Marittima. Io mi sono presentato dicendo: il nostro Comune ha 369 hotel, la Romagna è la destinazione con più Hotel in Italia. Non gli interessava tanto. Così mi sono fermato al ricordo che a chi fa finanza non interessa niente del prodotto ma legge report.

Ricordi finiti. Arriveranno grandi catene e grandi capitali. Arriverà una grande catena spagnola anche a Milano Marittima che aprirà una grande struttura. È un po’ un Iper. Abbiamo visto già alcuni imprenditori che uniscono hotel e hanno grandi risultati. Abbiamo visto che il valore degli hotel piccoli è crollato mentre c’è una richiesta di grandi strutture perché sono quelle che generano profitto e quindi valgono di più. Ci siamo quindi abituati a capire che gli hotel valgono per quanto rendono perché sono una azienda e non valgono al metro quadro come le case. Non sono palazzi. Ci dobbiamo abituare che se mettiamo insieme 2 piccoli hotel il valore non è il doppio ma il quadruplo. Allora forse presto gli albergatori si parleranno di più. Si metteranno insieme. Chi è proprietario di un hotel affitterà quello vicino. Oppure tutti e due venderanno al doppio il proprio hotel perché si sono parlati. Arriveranno società che compreranno gli hotel e li metteranno insieme con capitali enormi e faranno una concorrenza insostenibile. Allora le piccole strutture dovranno rivedere la propria offerta per restare sul mercato e riposizionarsi con successo. Alcune ce la faranno. Perché qualche piccolo negozio esiste ancora nonostante gli Iper. Magari saranno dei supermercati o dei negozi specializzati. Insomma ci saranno grandi cambiamenti. E quando ci sono cambiamenti ci sono opportunità ma bisogna parlarne, conoscerle senza paura ed essere pronti a coglierle. È poi importantissimo preparare documenti per dimostrare il valore di ciò che abbiamo. Di quanto vale la nostra economia. Ci vogliono report e numeri.

Ho finito. Ma allora perché ho iniziato questo articolo col titolo “Turismo. Il futuro e la sagra della cozza”? Ah. Perché la sagra della cozza ora mi ricorda la pesca a premi nel negozio sotto casa. Parliamo di turismo e facciamo turismo come abbiamo sempre fatto. 

 

Mattia Casadio

#casadiohtl #horwathhtl #crowehorwath

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Cervianotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@cervianotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Condivido il tuo articolo, e scusa se do del tu. Ho 52 anni, sono di Cervia e vivo a Cipro da 7 anni. Mi piacerebbe seguire altre tue analisi.ciao e buon lavoro. Rossi Andrea mob 00357 99728992

    15/01/2018 - Rossi Andrea



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it