Martedì 24 Aprile 2018

Ivano Marescotti: "Non mi sento rappresentato da nessuno: voterò Movimento 5 Stelle"

Lunedì 8 Gennaio 2018
Ivano Marescotti

Il celebre intellettuale romagnolo, tramite la sua pagina facebook, ha lanciato una dichiarazione di voto che farà discutere sulle prossime politiche di marzo 2018

Ivano Marescotti, intellettuale e celebre attore romagnolo, da sempre impegnato in politica, convintamente nel PCI dei tempi che furono e poi nelle sue varie "trasformazioni", anche se come voce critica, fino ad essere candidato alle europee nella lista L'Altra Europa per Tsipras, ha fatto una dichiarazione forte e impensata sulle prossime elezioni politiche che si terranno a marzo 2018: voterà il Movimento 5 Stelle. Non con convizione e adesione al partito, come afferma lui stesso e nemmeno come "voto di protesta", ma come unica chance, non sentendosi rappresentato da nessuno.

Riportiamo di seguito il post integrale pubblicato sulla sua personale pagina facebook:

"Due parole sulle elezioni. Se votare e come? Io voterò. E voterò M5S. Non c’è nessun partito che mi rappresenti. Neanche tra quelli all’opposizione che sarebbe il mio luogo naturale. Ma il voto elettorale non corrisponde alla adesione ad un partito. O non vi corrisponde più. Il mio voto al PCI era scelta, conseguenza indiscussa dell’adesione a quel partito come aderente, iscritto, per quanto costantemente critico sulle sue politiche. Non aderendo ad alcun partito cosa si vota?"

"Ci sono alcune possibilità apparentemente logiche per uno di sinistra: votare una delle 3-4 liste di sinistra: “potere al popolo” (Urca…! “Rifondazione” sotto falso nome); LeU (una sorta di PD in minore senza Renzi + SEL, già visti in azione, ahimè…); lista popolare (o come diavolo si chiama la mossa del cavallo …e alé!); altre liste di comunisti di vario genere (con falci e martelli …sinistramente staliniani) ecc. i quali propongono bei programmi edificanti e spesso condivisibili, per ottenere uno o qualche deputato, o nessuno, che tanto è lo stesso? Se ci si basa sul programma perché mai scegliere uno dei 3-4 partitini e non un altro? Con quale obbiettivo, quale logica? Amicizie-inimicizie? Provenienza storica? DNA stampato in fronte?"

"Io non cedo più al ricatto del bel programma consolatorio. Un film brutto resta brutto anche quando ha un messaggio bellissimo (tutti i film sulla Resistenza dovrebbero essere, per ciò stesso, capolavori…). Quale sarebbe allora il senso? Tacitare la propria coscienza buttandola là da qualche parte per testimoniare la propria marginale esistenza? Oppure, i più schifati, scegliere scheda bianca; scheda nulla; non voto? Per, come dicono alcuni, “dare un segnale”. Sai quanto glie ne frega? Più che un segnale è un bel regalo. Anche se votassero in diecimila in tutta Italia sarebbero sempre quelli a governare. Il segnale lo hanno avuto da tempo, in Emilia Romagna, per dire, alle ultime regionali ha votato il 37 per cento! Il nostro Presidente è eletto e governa con il 18% dei votanti! E quelli governano contentissimi e soddisfatti! È la democrazia, bellezza, e non puoi farci nulla…"

"Bisognerà pure prendere atto che oggi la sinistra è sconfitta su tutti i fronti, è inconsistente e ininfluente. E chissà per quanto ancora… E i pretesi, autoreferenziali rappresentanti nazionali e locali di essa sono risibili quando non dannosi. Dunque nessuna delle liste che ci saranno mi rappresenta. E men che meno il M5S che ho sempre criticato e attaccato anche duramente. Ma un minimo di obbiettivo tattico io lo cerco. Non è una scelta di parte, è il tentativo di rovesciare il tavolo. Che è l’unica cosa desiderabile oggi. E per questo il voto più efficace allo scopo, oggi, è votare M5S. E non per “voto di protesta” o un Vaffa… (quello semmai è più evidente con: non voto, scheda bianca o nulla), ma sperando proprio che vincano loro. E, possibilmente si possano poi liberare dalle cazzate primordiali che esprimono e fare politica guardando chi c’è attorno a loro. E Buon anno a tutti".

 

Firmato Ivano Marescotti.

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Cervianotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@cervianotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • CONCORDO PIENAMENTE. Almeno succederà qualcosa. E quei fossili del pd e company andranno a spunzole. Se le trovano

    08/01/2018 - Francesca



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it